Mensa scolastica: le proposte del consigliere Antonio Di Sapio

Ecco quanto affermato dal giovane consigliere Antonio Di Sapio, in seguito alla riunione della quarta Commissione consiliare, del giorno 7 novembre 2013: “Ieri si è riunita la quarta commissione per discutere della nuova mensa scolastica, la mia proposta, (già presentata in riunione di maggioranza), di mensa a Km 0, prodotti stagionali ed educazione alimentare è stata giudicata positiva anche dai consiglieri di minoranza della commissione; anche se giustamente vogliono verificare la copertura economica. Per quanto concerne le agevolazioni economiche, sono state proposte in base al reddito, tutti d'accordo sul principio ma anche qui si vuole capire la copertura economica; su questo tema ho proposto che le fasce di reddito per l'esenzioni siano calcolate con il modello ISEE, perché questo modello nel calcolo finale del reddito calcola già se nella famiglia c'è qualcuno che presenta un handicap o il numero dei figli che rappresentano quindi, un abbattimento del reddito.”

Condividi su:

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Gennaro di lauro (sabato, 09 novembre 2013 14:58)

    Tutto ok ,ma la prima cosa è capire se realmente i cittadini vogliono la mensa,a sentire i genitori nessuno è contento in primis del cibo e poi è praticamente inutile farla per un solo giorno,serve solo a recuperare ore per eliminare il sabato stop,io da cittadino e genitore che da anni sta vivendo il disagio continuo delle scuole di pollena direi di darsi da fare per cose molto piu' importanti, magari i soldi della mensa destinarli alle strutture, con maggiore manutenzione in generale, alcuni edifici sono privi di accessi per disabili, fornire materiale come Pc,lavagne magnetiche,adibire dove è possibile aule laboratori,iniziare il discorso dell'energia rinnovabili (fonte anche di risparmio) incrementare la presenza di pubblici ufficiali nelle ore di entrata e uscita di scuola per evitare numerosi problemi ed aumentare la sicurezza dei ragazzi,le cose da fare sono tantissime,la mensa è l'ultima cosa e il comune ogni anno pensa solo a quella.